PRA (Atrofia Retinica Progressiva)

Con il termine PRA si intende un gruppo di patologie, prettamente a carattere ereditario, che colpiscono la retina provocando cecità, attraverso degenerazione e poi atrofia della stessa.

La retina costituisce la parte più interna del globo oculare e risulta indispensabile per la visione. Infatti, è formata da cellule specializzate nel captare la luce e trasformarla in impulsi nervosi che verranno elaborati dal cervello. Queste cellule, conosciute meglio come fotorecettori sono i CONI (responsabili della visione notturna) e i BASTONCELLI (responsabili della visione diurna).

Le diverse forme di PRA possono essere classificate in base al periodo di insorgenza (giovanile o tardiva), in base alle cellule colpite (coni, bastoncelli o entrambi) e in base alla tipologia di lesione (degenerazione : forma tardiva o displasia: forma giovanile).

Nei border collie la forma prevalente è quella giovanile, causata quindi da un alterato sviluppo dei fotorecettori. Le prime cellule colpite sono i coni con conseguente alterazione della visione notturna. Successivamente vengono colpiti i bastoncelli con alterazione della visione diurna e nel giro di un anno dall’insorgenza dei primi sintomi, si arriva a totale cecità.

Questa patologia normalmente colpisce entrambi gli occhi causando cecità senza dolore e patologie secondarie, la più diffusa delle quali è la cataratta.

La diagnosi di PRA può essere effettuata attraverso esame oftalmoscopico ed elettroretinografia. Quest’ultimo è un esame, simile all’elettrocardiogramma, in cui si effettua la misurazione dell’attività elettrica della retina successiva a stimolazione luminosa.

Non esiste purtroppo una terapia, ma solo un continuo controllo dei soggetti per poter ridurre al minimo le lesioni secondarie.

Dott. Andrea Carrano